Bioplastiche e scandali finanziari a Bologna: Bio On

Speranza in un futuro sostenibile, finanza, speculazione, bugie. C’è tutto questo nel caso che vede contrapposta Bio-on, azienda Bolognese fra le più promettenti tra quelle quotate nella borsa a Milano, e Quintessential, fondo di investimento americano che ha accusato l’azienda di essere un castello di carte causandone il crollo in borsa.

Bio-on è un azienda Bolognese fondata nel 2007 da Marco Astorri, sulla base di un’idea rivoluzionaria per l”ambiente: sostituire la plastica che usiamo tutti i giorni con una bioplastica assolutamente identica in tutte le proprietà, ma che fosse completamente biodegradabile.

Bio on negli anni ha brevettato diversi tipo di bioplastiche, ma la più importante sarebbe Minerv- PHA, un poliestere realizzato con scarti di lavorazioni agricole, grazie alla fermentazione batterica dello zucchero. Esso può sostituire tutti i tipi di plastica: polietilene, polipropilene, polistirolo, pvc, pet. Si degrada biologicamente al 100% lasciandolo pochi giorni in acque “vive” a temperatura ambiente, nei fiumi o nei mari. Una azienda con un prodotto ambizioso che infatti era stata premiata da numerosi investitori in giro per il mondo, diventando l’ azienda più promettente della borsa italiana grazie a una crescita dell’820 % dal giorno del suo collocamento in borsa.

Numerose testate generaliste ed economiche citavano l’azienda Bolognese, alla presentazione dell’impianto produttivo era presente il ministro dell’ ambiente e l’azienda era riuscita a ottenere importanti collaborazioni con grandi aziende come  Hera per la costruzione dell’impianto, Unilever per la creazione di una crema solare e Kartell per prodotti di design.

L’azienda era riuscita a concedere in licenza il proprio brevetto in giro per il mondo, ad esempio in Spagna, Messico ed era stata parte della delegazione con cui il governo Conte incontrava Putin nel chiacchierato bilaterale Italia-Russia. Perfino Norges, Banca centrale norvegese, aveva investito in Bio-on.

Insomma una eccellenza italiana, affermatasi negli anni più bui della crisi, una bella storia che prosegue senza intoppi fino Il 31 agosto 2019 quando il fondo di investimento Quintessential pubblica un report dal titolo: “Bio-On: Una Parmalat a Bologna?”

L’accusa finanziaria

Quintessential è un fondo di investimento con sede a New York che ha come core business quello di scovare aziende che presentino presunte irregolarità o conti sospetti, fare un indagine approfondite e dopodiché scommettere contro di loro in borsa. A questo punto fanno uscire i report e guadagnano sul crollo della borsa.

Il 23 Luglio di quest’anno Quintessential fa uscire il report su Bio-on, muovendo tre accuse principali:

1) truccare sistematicamente i bilanci attraverso joint venture. Secondo il fondo di investimento la maggior parte dei ricavi proverrebbero transazioni aziende controllate e affiliate create ad hoc per questo scopo.

2) Tecnologia poco innovativa e non commercializzabile

3) Pessima situazione finanziaria: i bilanci che mostrano un situazione dinamica ed in forte crescita nascondono un azienda sull’orlo del default.

Tre accuse pesantissime che immediatamente hanno scatenato il panico a Piazza Affari, dove il titolo è stato sospeso per eccesso di ribasso. L’azienda risponde smentendo tutte le accuse, ma agli investitori questo non interessa:alla riapertura del mercato l’azienda brucia in pochi giorni 780 milioni di euro di capitalizzazione. Solo qualche giorno dopo, quando il proprietario di Bio on nonostante il crollo riacquista azioni della sua azienda per dimostrare di crederci ancora, il crollo si ferma.

E ora cosa succede? Chi ha ragione tra Bio-on e Quintessential? Difficile a dirsi, ma a stabilirlo sarà la procura di Bologna, che sta analizzando la denuncia presentatagli da Bio-on contro il fondo di investimento con le accuse di market abuse, manipolazione del mercato e criminal insider trading.

Intanto il fondo ha già realizzato un profitto verosimilmente altissimo, scommettendo contro Bio-on. E i 180 dipendenti di Bio-on continuano ad andare a lavorare tutte le mattine.

Dietro a questa storia qualcuno non sta raccontando la verità. Se avesse ragione Bio-on, le accuse di Quintessential sarebbero totalmente inventate e pretestuose, sarebbero state fatto solo ed esclusivamente per una gigantesca speculazione finanziaria resa intollerabile dal fatto che dentro Bio-on lavorano più di 100 persone che perseguono un nobile fine.

Se avesse ragione Quintessential, Astorri con la sua Bio-on avrebbe avuto un comportamento altrettanto infido, utilizzando il problema ambientale e truccando i bilanci per il proprio guadagno portando sul lastrico migliaia di piccoli investitori.

Quintessential ha già fatto fallire o riorganizzare numerose aziende (Folli Follie, Globo, Aphria, Ability e Aac Holding) e sarebbe un peccato se un azienda italiana così impegnata nell’ambiente facesse questa fine.

Nel lungo periodo però la cosa più importante sarebbe vedere se effettivamente i brevetti di Bio-on ci possano aiutare a combattere il gigantesco problema della plastica e delle microplastiche.

Un pensiero su “Bioplastiche e scandali finanziari a Bologna: Bio On

  1. Il caso Bio-On è significativo: all’epoca del debutto in borsa (ottobre 2014) se ne parlò come un caso di Unicorn italiano.
    L’azienda pareva avere tutte le caratteristiche per una crescita esponenziale: innovazione, disruption e, con la quotazione, capitalizzazione.
    Un articolo de il Sole 24 ore, http://j.mp/2Nx7cnp, evidenzia la normativa ancora lacunosa in materia di valutazione e controllo di start-up e i rischi per il consumatore retail.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...