Licia Franceschini: da Compass a una brillante carriera in Luxottica

Licia Franceschini è un alumna Compass. Oggi lavora in Inghilterra per Luxottica Group, leader mondiale nella creazione, produzione e distribuzione di occhiali, non soltanto di fascia alta ma anche lusso e sportivi. L’esperienza di Licia, come studentessa prima e come lavoratrice poi, dimostra che nella vita non bisogna mai arrendersi e saper cogliere al meglio le occasioni che si presentano, con coraggio, determinazione e grinta.

Ciao Licia, facciamo un attimo un passo indietro a quando eri ancora studentessa e raccontaci brevemente qual è stato il tuo percorso prima di approdare in Luxottica.

La mia carriera universitaria non è iniziata nel migliore dei modi. Finite le scuole superiori, dove ho studiato economia aziendale, ho deciso di iscrivermi al corso di laurea in “Geografia dei Processi Territoriali” all’Università di Padova. Purtroppo non una scelta delle più azzeccate, poiché quell’anno c’è stata una vera e propria rivolta a livello scolastico. Era il periodo del ministro Gelmini e di grossi tagli all’istruzione. Dopo un paio di settimane di frequenza ci è arrivata la notizia che il corso che stavamo frequentando sarebbe stato chiuso. Purtroppo le proteste sono state inutili e di conseguenza ho deciso di iscrivermi al corso di Comunicazione, sempre all’Università di Padova. Finiti i tre anni ho deciso di spostarmi a Bologna, a Compass, per continuare con la magistrale in Comunicazione Pubblica e Sociale. Compass è stato un vero successo e mi ha permesso di imparare molto. E’ un corso di laurea che ti forma sotto diversi ambiti ed è sicuramente una buona base per un’ottima carriera lavorativa futura.

Di cosa ti occupi esattamente in azienda?

Ormai sono poco più di due anni che lavoro per Luxottica, tuttavia ho già cambiato diversi ruoli (ora che ci penso sono 4), ma mi sono sempre occupata di customer service. I primi mesi li ho passati in Italia, nello stabilimento di Sedico al reparto After Sales. Ho iniziato come After Sales Specialist, a supporto del customer service del sito Ray-Ban.com Europeo ed Asiatico. Il customer service era localizzato, e tuttora si trova, a St. Albans una città nei pressi di Londra. Qualche mese dopo sono stata trasferita, per un anno, in UK con il ruolo di Proccess and Training Leader. Completato l’anno ho deciso di rimanere in UK ed ho preso il posto di Business Improvement Leader fino allo scorso aprile quando ho cambiato totalmente ramo passando dall’e-commerce al wholesale, seppur sempre rimanendo alla filiale Luxottica North Europe. Da aprile ricopro il ruolo di Back Office manager. Il mio team è formato da sei persone tutte di diversa età ed etnia. E’ un piacere lavorare con loro! Il Back Office si occupa di supportare il customer service per gli ottici del nord Europa che vendono i marchi posseduti e in licenza di Luxottica a livello logistico, oltre che supportare la sales force con l’organizzazione di tutto il materiale relativo ai campioni.

La tua esperienza di studio a Compass: dai corsi al Laboratorio, cosa ti sei portata dietro dall’Università al mondo del lavoro?

Compass e il laboratorio mi hanno insegnato che nulla deve essere lasciato al caso. Ogni piccolo dettaglio è importante e solo un’attenta organizzazione (possibilmente tenendo conto degli eventuali imprevisti) è ciò che serve anche a livello lavorativo. Un’altra cosa che mi serve tutti i giorni, che ho imparato grazie al laboratorio e ai tanti lavori di gruppo, è lavorare in team. Specialmente ora che sono a capo di un team di sei persone mi rendo conto che è fondamentale saper lavorare con gli altri. Che siano colleghi o consulenti esterni poco cambia, un buon risultato è dettato dall’intero team e da un buon leader.

Attualmente lavori per la filiale UK di Luxottica. Com’è arrivata questa esperienza all’estero?

In realtà è successo tutto per caso. Dovevo partire per un paio di settimane a luglio 2017 alla volta del customer service di St. Albans per supportare direttamente in loco il leadership team. Il mio supporto fino a quel momento era stato a distanza, dall’Italia. Ero contenta di partire in trasferta perché sapevo che durante il weekend avrei potuto vedere mia sorella, che ai tempi viveva a Londra e che si doveva laureare proprio in quei giorni. Diciamo che avevo colto questa occasione come un premio per il duro lavoro che stavo svolgendo. Appena prima del mio ritorno in Italia mi è stato proposto di rimanere per un anno e supportare a tempo pieno il customer service e-commerce. Non ci ho pensato due volte e ho deciso di rimanere. Ricordo ancora che quando mi è stata fatta questa proposta sono andata nel pallone e di aver detto a Sara, il mio capo, che la mia unica preoccupazione era non sapere perfettamente la lingua inglese. Lei, ridendo, mi ha risposto che la lingua, di lì a poco, sarebbe diventata l’ultimo dei miei problemi…e aveva ragione!

Trasferirti all’estero era già nei tuoi piani?

Assolutamente no, ma mai dire mai nella vita! Come anticipato mia sorella viveva a Londra già da un po’ di anni e, se per lei l’idea di vivere all’estero era un chiodo fisso già da adolescente, a me non piaceva l’idea di dover lasciare le mie amate Dolomiti per l’estero. Gli anni di università sono stati duri perché ero veramente affezionata al mio paese e alle mie origini…e alla mia mamma ovviamente! Poi è arrivata Luxottica e l’opportunità per un anno di vivere e lavorare all’estero, nulla di pianificato ma un’occasione più unica che rara. Luxottica ha sede ad Agordo, un paese che si trova a 20 Km da Alleghe, il mio paese natale. Non capita tutti i giorni di lavorare per un’azienda Italiana all’estero, con sede vicino al proprio paese natale! Forse, pensandoci bene è esattamente questo che mi ha fatto cambiare idea sul vivere all’estero, il fatto di essere lontani da casa ma di lavorare per un’azienda che è parte della comunità, della zona da cui vieni. Tra l’altro ho molti amici che lavorano in Luxottica e che sento spesso per questioni lavorative. Non ultima mia madre che da quasi 40 anni lavora in produzione. Ogni tanto ci penso e seppur lontana dall’Italia, mi sento parte di una grande “famiglia” e fiera di essere Agordina.

Licia Save screen

Photo Credits: Licia Franceschini

Ci sono stati – soprattutto i primi tempi – momenti di difficoltà nel tuo lavoro? (se sì, di che tipo).

Sicuramente l’inizio in Luxottica è stato tosto nonostante fossi già abituata a lavorare, seppur non in un ufficio. Non ero a conoscenza di tante piccole cose, ad esempio come usare al meglio Outlook, organizzare meeting, conference call e mandare email. Sono cose basilari nel mondo del lavoro, che si apprendono direttamente sul campo, “learning by doing”, dal momento che non ti vengono insegnate all’università. Ecco, saper già utilizzare Outlook e tutti i tool Microsoft (per davvero!) potrebbe limitare un po’ le difficoltà nei primi tempi.

Sappiamo che sei una grande sportiva e in particolare hai una grande passione per lo sci. Quanto è stato utile nella vita quello che hai appreso da questa disciplina?

Sono dell’idea che chi studia e pratica sport può avere un grande beneficio. Per me è stato così con lo sci. Il fatto di avere due diverse cose su cui concentrarmi, lo studio da una parte e gli allenamenti con le gare dall’altra, mi ha aiutata parecchio. Non sono mai stata una cima a scuola e nemmeno una fantastica atleta, ma me la sono sempre cavata non concentrandomi solo su una ma su entrambe le cose e infine una terza, il lavoro. Infatti, ho anche cercato di lavorare il più possibile durante le scuole superiori e l’università’, anche come maestra di sci. Quando hai più cose a cui tieni e che dipendono da te, hai la necessità di organizzarti al meglio e di ottimizzare il tempo a tua disposizione. Il risultato di tutto dipende solo da te e da come decidi di affrontare le cose. Per me e moltissimi altri ragazzi, lo sport è stato di supporto per il mio successo a livello scolastico.

Torniamo al marketing che, come sai, è un settore in continua crescita. In particolare il web marketing si sta sviluppando in maniera esponenziale aumentando di conseguenza la competizione fra le diverse figure professionali dedicate, così come fra le aziende. Quali consigli daresti, a tal proposito, a chi vuole intraprendere una carriera in questo settore?

Come detto si tratta di un settore in continua crescita. Nonostante io non sia più molto coinvolta, lavorando in un altro settore, il web marketing rimane sempre una mia passione. Cerco sempre di informarmi e seguire le novità del momento. Il consiglio che posso dare è non fermarsi mai, leggere quanto più possibile, seguire gli influencer del settore e…informarsi. Mai come in questo caso “chi si ferma è perduto”.

Proviamo un attimo a immaginare il futuro: progetti? Ti manca l’Italia?

A chi non manca l’Italia! In realtà mi sono davvero ambientata in Inghilterra, mi trovo talmente bene che ho trovato un fidanzato inglese, Sean. Attualmente sto frequentando un master part-time qui alla Birkbeck University di Londra in Management and Sport e l’idea sarebbe quella di completarlo entro il 2020. Lavorare full time e studiare part time non è una delle cose più semplici, al momento uno dei miei obiettivi è completare il master. Dall’altro lato spero di rimanere in Luxottica e di continuare a crescere professionalmente, dando il mio contributo nella crescita di questa grande azienda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...