COUNTRY BRANDING: i Paesi come non li abbiamo mai considerati prima

I Paesi di tutto il mondo sono classificabili secondo moltissimi criteri come ad esempio la densità di popolazione, la ricchezza, la qualità di vita, il tasso di occupazione. Hanno molto da offrire e spesso tutti gli aspetti che possono influire sul modo in cui vengono visti sono difficilmente quantificabili e rappresentabili. Questo solamente fino a qualche hanno fa.

Infatti la compagnia FutureBrand, leader mondiale nella ricerca, gestione, creazione di marchi di Paesi, nel 2014 ha lanciato il FutureBrand Country Index, ovvero un indice che racchiude i primi 75 Paesi, segnalati dalla Banca Mondiale in riferimento al PIL, e li riordina secondo la loro forza di percezione. Per essere classificato come Country Brand bisogna rientrare e soddisfare determinati fattori, cosa in cui non tutti i Paesi riescono. 

Cosa cambia in sostanza per una nazione essere qualificata come Country Brand? E’ stato rilevato che tali Paesi partono con un vantaggio competitivo misurabile superiore agli altri. Questo indice potrebbe essere una guida per esperti del turismo, di commercio e di investimenti per capire e decidere su quali aspetti porre maggiore attenzione. 

Credit: FutureBrand

I fattori che influiscono sulla posizione nell’indice sono se le persone prendono in considerazione quel Paese per un viaggio, o se lo consiglierebbero ad amici e familiari o ancora se sarebbero intenzionati a stabilirci delle relazioni d’affari. Ma è soprattutto la percezione che si ha di un Paese ad incidere. I parametri in questo caso riguardano lo status e l’esperienza della Nazione. Nel primo caso vengono valutati il sistema dei valori (libertà politica, standard ambientali, tolleranza), la qualità della vita (salute ed educazione, sicurezza, ecc.) e il business potenziale (avanzamento tecnologico e buone infrastrutture). L’esperienza invece viene misurata da patrimonio e cultura (siti storici, arte, bellezze naturali), turismo (attrazioni, resort, cibo) e Made In.

Questo ultimo aspetto è molto interessante poiché è la produzione di prodotti autentici, di alta qualità, che siano unici e la propensione delle persone ad acquistare tali prodotti a creare valore.

Credit: FutureBrand

Di 75 Paesi, nel 2014, solamente 22 si sono qualificati come Country Brand. Tra questi rientra anche l’Italia, che si posiziona al 18esimo posto. Non solo, viene anche stilata la classifica delle città più influenti, tra le quali troviamo in vetta New York, Londra e Pechino. A breve sarà pubblicato il rapporto FutureBrand Country Index 2019 e chissà quali interessanti novità ci saranno.

Clara Baldisserotto

Immagine in evidenza, credit: FutureBrand

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...