L’evoluzione dell’arte nell’era della tecnologia

Pensa alla parola arte. Cosa ti viene in mente? Forse Caravaggio, Modigliani, Dalì, Frida Kahlo… Ora pensa alla tecnologia. Probabilmente starai immaginando uno smartphone o un computer. Arte e tecnologia sono due aspetti della creatività umana che apparentemente hanno molte differenze ma sono in effetti strettamente correlati. Quello che l’arte riesce a fare oggi è stato raggiunto grazie all’avanzamento tecnologico. Viceversa, ci sono numerosi casi in cui gli inventori della tecnologia sono ispirati dall’arte per creare nuovi strumenti.

Il primo mezzo che è riuscito a legare arte e tecnologia è stata la fotografia, quando nell’anno 1826 quando Joseph Nicéphore Niepce realizzò la sua prima fotografia o ancora quando alla fine del XIX secolo, i fratelli Lumière inventarono il proiettore cinematografico.

L’arte ha iniziato a incorporare la tecnologia nei suoi processi, sia come ispirazione sia come strumento, e nella realtà contemporanea la maggior parte delle nostre interazioni con l’arte passano attraverso un dispositivo tecnologico. Pensiamo alle mostre multimediali, all’utilizzo di App a supporto di una mostra, la trasformazione del cinema grazie a tecnologie come il 3D, l’influenza dei social network sulla concezione del termine “artistico”, sono solo alcuni esempi di come la tecnologia sia stata incorporata all’arte.

In tutto il mondo, ci sono persone che con l’aiuto della creatività progettano il nostro futuro. Produzione digitale, nano e biotecnologie, realtà aumentata o virtuale… tutto ciò altera le nostre vite e la nostra visione del mondo e di noi stessi. Scienziati, programmatori di software per computer, inventori, imprenditori e anche musicisti, artisti visivi, registi e designer sono impegnati a creare, seppur in modi diversi, nuove esperienze per l’uomo.

Grazie a loro, anche le forme d’arte si stanno evolvendo. Sempre più artisti spingono i limiti, guardando oltre ciò che è considerato “tradizionale” per incorporare nuovi aspetti nel loro lavoro. L’arte sta diventando sempre meno statica, assumendo molte forme diverse, dalla stampa di sculture create in tre dimensioni alle “Immersive Experience”, ovvero le mostre multimediali che usano proiezioni.

van-gogh-alive-2-2

Anche i modi in cui l’arte viene distribuita e commercializzata sono cambiati come reazione diretta alla transizione verso una società digitalmente connessa. Tradizionalmente, gli artisti restavano nelle gallerie con le loro opere ed era la galleria ad occuparsi di decidere quale materiale fosse abbastanza buono per essere esposto mentre il pubblico restava uno spettatore passivo. La tecnologia oggi può rappresentare un aiuto per offrire un’esperienza più coinvolgente al pubblico.

Ora, molti artisti mostrano online le loro opere per farsi pubblicità e vendere il loro lavoro. Con nuovi servizi come il fenomeno del crowdfunding, per la prima volta gli artisti sono anche in grado di raccogliere fondi sul web per realizzare le loro idee.

Gli artisti utilizzano i social network come un potente strumento per intensificare la relazione tra i collezionisti e il pubblico, riuscendo a raggiungere con successo le persone alla ricerca di opere d’arte specifiche.

Forse il tradizionale mercato dell’arte, cioè collezionisti, galleristi, critici, curatori e persino altri artisti, potrebbe mettere in dubbio il fatto che l’artista che usa i social per la promozione del suo lavoro sia un vero professionista. Ma qualunque sia la realtà, il cambiamento sta già accadendo ed è troppo importante ed è inarrestabile. Il mercato dell’arte lo accoglierà e si abituerà ad esso, come è sempre accaduto anche in altri ambiti. È importante, però, che ogni artista moderno tenga a mente l’importanza di far avanzare l’arte e definire nuovi modelli espressivi con significati potenti.

Una grande preoccupazione è che, come risultato di tanti nuovi strumenti e tecniche, potremmo perdere il senso e la capacità di valutare ciò che è arte e ciò che è banale. A mio parere, comunque, l’arte che va oltre i limiti e definisce nuovi significati è quella che trasformerà il modo in cui pensiamo e sentiamo, ora e in futuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...