Tecnologia e innovazione: 3 Epic Fail

Il 2017 è stato caratterizzato da varie innovazioni tecnologiche degne di nota, come gli eSight, occhiali futuristici in grado di migliorare la vista di persone con una capacità visiva limitata, o il motiv ring, un anello speciale, capace di tracciare e ottimizzare l’attività fisica e il sonno. Ma il mondo del tech è stato anche travolto da innovazioni tecnologiche fallimentari che nel bene o nel male hanno lasciato il segno.

Juicero Press Packs

Uno dei fallimenti più famosi è quello di Juicero, una tecnologia pensata per preparare rapidamente succhi di frutta o estratti grazie all’inserimento nella centrifuga di una miscela di frutta preconfezionata. L’idea di per sé non era male, se non fosse che Bloomberg, in un suo articolo, ha dimostrato come fosse sufficiente soltanto la pressione delle mani per spremere il sacchetto. Si può quindi fare a meno della macchina risparmiando sul costo del prodotto – 400 dollari. Juicero non ha rivoluzionato il mondo delle spremute come aveva promesso e  la vicenda ha attirato l’ironia degli utenti social. La start-up, quindi, dopo poco più di un anno è stata costretta a dichiarare il fallimento.

Gli Spectacle di Snapchat sono un altro prodotto che dalle premesse sarebbe potuto diventare un successo, ma si è rivelato un totale fallimento. Gli Spectacle sono occhiali-videocamera lanciati da Snap, l’azienda madre di Snapchat, con una strategia di marketing fuori dal comune. Gli occhiali infatti, del valore di 130 dollari, sono stati venduti attraverso gli Snapbot, distributori automatici itineranti di cui era possibile tracciare gli spostamenti accedendo ad un sito costruito ad hoc. Gli Spectacle sembrano semplici occhiali da sole ma sono dotati  di una videocamera sul lato destro e un piccolo display led su quello sinistro. Se collegati via Bluetooth o Wi-fi allo smartphone consentono di registrare brevi video di 30 secondi da condividere su Snapchat. Attorno al prodotto si era creata una grande aspettativa da parte soprattutto degli utenti più accaniti del social. Per il lancio l’azienda aveva previsto la messa in vendita nelle maggiori città del mondo, per un tempo massimo di 24 h.

Questa strategia iniziale aveva funzionato tanto che a New York si era creata una fila di 5 ore davanti lo Snapbot. Poi però la Snap ha deciso di estendere la vendita online e gli occhiali hanno iniziato a perdere attrattiva per il pubblico. Anche l’azienda a distanza di un anno dal lancio ha dovuto ammettere che si è trattato di un investimento sbagliato.

sense_hello_img

Un’ altra tecnologia che si è rivelata un fallimento è stato Hello, un dispositivo che traccia il sonno senza essere indossato. Hello è una sfera con diversi sensori in grado di controllare luce, umidità e temperatura dell’aria. Se posizionata sul comodino e collegata ad un bottone da applicare al cuscino tramite wi-fi, è in grado di calcolare la qualità del sonno e la sua durata. La società produttrice Sense è stata costretta però a dichiarare fallimento nel 2017 perché oggi quel tipo di tracker è integrato nella maggior parte degli smartwatch e dei fitness gadget.

La tecnologia è in continua evoluzione e il successo delle innovazioni si può valutare solo dalle performance sul lungo periodo, ma qualsiasi innovazione tecnologica se non inserita all’interno di un’adeguata strategia difficilmente porta al successo.

Marta Prestigiacomo
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...