10 città universitarie europee ideali per l’Erasmus

girl-954377_960_720.jpg

Si sa, Bologna è una città universitaria a tutti gli effetti. In Italia, una delle migliori in cui studiare. Non è una metropoli, ma è a misura d’uomo, o meglio, a misura di studente. L’Alma Mater Studiorum è la più antica università d’Europa: fondata nel 1088, ha 11 scuole, 33 dipartimenti e ospita oltre 87 mila studenti. Inoltre, è articolata secondo una struttura multicampus: oltre al Campus di Bologna vi sono i campus di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini, nonché la sede estera di Buenos Aires.

Studiare a Bologna è sicuramente un’esperienza unica, ma non è tutto. Infatti, grazie all’Erasmus, un programma di mobilità studentesca dell’Unione europea ideato nel 1987, gli studenti universitari europei hanno la possibilità di effettuare un periodo (che va dai 3 ai 12 mesi) di studio legalmente riconosciuto dalla propria università in un’università straniera.

Le mete che gli studenti possono scegliere sono centinaia. Variano a seconda della propria facoltà e della lingua straniera scelta. Il programma Erasmus permette agli studenti, inoltre, di conoscere e vivere in città straniere meno turistiche ma all’avanguardia e a misura di studente, proprio come Bologna. Giovani e vivaci, innovative ma dalla lunga storia accademica. Le città universitarie sono molto diverse tra loro e scegliere qual è la migliore per studiare lontano da casa e dagli affetti può non essere semplice.

Ma quali sono le città migliori per vivere il proprio periodo all’estero come studente Erasmus?

Coimbra (Portogallo) Coimbra è un comune portoghese di 143.396 abitanti. Sorge sul fiume Mondego ed è caratterizzata da stretti vicoli in salita e piazzette medievali. La cittadina è famosa per la sua Università, fondata nel 1290, fra le prime in Europa. L’Università fu in realtà fondata a Lisbona e trasferita a Coimbra nel 1537. Da allora ha avuto fra i docenti i maggiori intellettuali ed artisti europei e questo le ha dato fama facendola assurgere a centro universitario di eccellenza. L’ateneo attira migliaia di studenti che rendono la città decisamente vivace. Attualmente l’Universidade de Coimbra conta otto facoltà (Lettere, Diritto, Medicina, Scienze e Tecnologia, Farmacia, Economia, Psicologia e Scienza dell’educazione, Scienza dello sport ed Educazione Fisica), e circa 22.000 studenti.

Sito università: https://www.uc.pt/

c

Cracovia (Polonia) Cracovia è una delle più antiche ed estese dello stato polacco. La città è un grande centro commerciale e industriale (stoffe, pelli, macchine agricole, cartiere, editoria) e un importante nodo ferroviario. Cracovia è stata a lungo la capitale del paese e a tutt’oggi rimane il suo principale centro culturale, artistico e universitario. È famosa per il suo piccolo e curato centro storico, iscritto nella Lista UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. Capitale europea della cultura nel 2000, nel 2013 ha ricevuto dall’UNESCO anche il riconoscimento di città della letteratura, prima città dell’Europa continentale a ricevere questo titolo. La Uniwersytet Jagielloński è la più antica università polacca fondata nel 1364 dal re Casimiro il Grande come Akademia Krakowska, ed è quindi una delle più antiche università d’Europa e del mondo, la seconda più antica dell’Europa dell’Est, dopo l’Università di Praga e attualmente accoglie quasi 50 mila studenti.

Sito università: http://www.en.uj.edu.pl/

cr

Graz (Austria) Graz è il capoluogo del Land della Stiria in Austria. Dista approssimativamente 2 ore di macchina da Vienna ed è circondata da basse colline. È la seconda città austriaca per numero di abitanti e il suo centro cittadino è uno dei più conservati dell’Europa centrale. Grazie a ciò, nel 1999 la città venne aggiunta all’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. La cittadina è stata anche capitale europea della cultura per il 2003. A Graz università e vita urbana son strettamente legati. La Karl-Franzens-Universität è stata fondata nel 1585, è la seconda più antica università in Austria ed è una delle più grandi del Paese. Conta 120 indirizzi di studio suddivisi in 6 facoltà e oltre 40.000 studenti.

g.jpg

Sito università: www.uni-graz.at

Heidelberg (Germania) Heidelberg è situata nel Baden-Württemberg sulle rive del fiume Neckar. La città di Heidelberg fu fondata nel secolo XII, ma la sua storia risale fino al tempo dei Celti e dei Romani. I primi insediamenti sono dell’età della pietra. Oggi è un importante centro industriale, per le numerose industrie del tabacco, meccaniche, cartarie ed elettrotecniche; ma soprattutto universitario poiché ospita la più antica università della Germania, fondata nel 1386 da Roberto I, oltre ad altri importanti e prestigiosi centri culturali e scientifici a livello mondiale. Dopo l’università di Praga e l’università di Vienna, è la terza fondata nel Sacro Romano Impero a nord delle Alpi, nonché una delle più prestigiose d’Europa. I dati demografici rendono evidente quanto l’attività universitaria sia importante in questa città: degli oltre 140.000 residenti, circa 30.000 sono studenti. La Ruprecht-Karls-Universität è un campus distribuito in due aree urbane, e in numerosi edifici storici del centro si trovano le facoltà umanistiche, sociali e giuridiche. Le facoltà scientifiche e Medicina sono in gran parte collocate nel nuovo campus a Neuenheim. L’università è composta principalmente da 12 facoltà, che a loro volta comprendono diverse discipline, dipartimenti e istituti. All’interno dell’Università ci sono trentaquattro associazioni di studenti, e ognuna di essa ha la propria tradizionale divisa, ma c’è anche la possibilità di seguire corsi di musica, danza, nuoto, sport equestri e tanto altro ancora.

Sito università: https://www.uni-heidelberg.de/university/

a

Lubiana (Slovenia) Lubiana è situata nel centro della Slovenia, sorge sul piccolo fiume Ljubljanica ed è considerata il cuore culturale, scientifico, economico, politico e amministrativo del Paese. Nel corso della sua storia è stata influenzata dalla sua posizione geografica, all’incrocio della cultura tedesca, slava e latina. Presenta un interessante centro storico in stile Barocco e Art Nouveau, con l’architettura del resto della città, ricca di case col tetto a punta, che risente molto dell’influenza della vicina Austria. L’Università di Lubiana (Univerza v Ljubljani) è la prima e più grande università della Slovenia e conta circa 65.000 studenti. Fondata nel 1919, conta attualmente 26 facoltà, 3 accademie d’arte ed un collegio con un totale di circa 3.500 impiegati. L’anno accademico è diviso in due semestri, con tre sessioni di esami. A Lubiana gli studenti sono quasi un decimo della popolazione. In città è molto attiva la ŠOU, una organizzazione studentesca che da assistenza e organizza attività per gli studenti, e la ESN, Erasmus Student Network, che aiuta gli studenti stranieri ad ambientarsi.

Sito università: https://www.uni-lj.si/eng/

ab.jpg

Lund (Svezia) Lund è un’antichissima città della Scania, nel sud della Svezia, soprannominata “la città delle idee”. La cittadina ha 116mila abitanti di cui 47mila studenti. Gli studenti in città sono tanti e si vede: durante il giorno nei parchi e giardini sparsi per tutta la città, la sera nei locali del centro medievale. Ogni 4 anni gli studenti organizzano Lundakarnevalen, un carnevale che dura due giorni. Il prossimo sarà nel 2018. La Sweden Lund University è la migliore tra le università svedesi, tant’è che la città viene chiamata anche la “Cambridge svedese”. L’antica sede dell’università di Lund è ubicata nel centro della città, presso il parco di Lundagård. L’università si compone di otto facoltà e un certo numero di istituti specializzati nella ricerca. Di recente le facoltà sono state estese anche alle città di Malmoe di Helsingborg, come sede distaccate.

Sito università: http://www.lunduniversity.lu.se/

abc

Pécs (Ungheria) Pécs sorge vicino al confine croato, tra Europa occidentale e Balcani, ed è la quinta città dell’Ungheria. Pécs ha fatto della diversità culturale il suo punto di forza. Un modello d’integrazione che coinvolge popolazioni di origine ungherese, serba, sveva, croata. Il 19 ottobre 2005 la città ha vinto il concorso internazionale per il titolo di Capitale culturale europea 2010 ed ha organizzato, congiuntamente alla città tedesca di Essen e alla regione della Ruhr e ad Istanbul, degli eventi per quest’anno di capitale culturale. La città ungherese è sede vescovile e città universitaria, nonché centro rilevante per una minoranza linguistica tedesca e terra di nove minoranze etniche con una propria amministrazione autonoma. La prima università a Pécs fu fondata nel 1367 e conobbe varie vicissitudini, come la chiusura durante la dominazione ottomana e la competizione con la città di Győr. L’attuale Università di Pécs fu fondata nel 1912. In origine aveva sede a Bratislava, in ungherese Pozsony. Nel 1921, poiché l’università non si trovava più in territorio ungherese, fu trasferita a Pécs. Oggi, l’università è composta da 10 facoltà e ospita più di 30 mila studenti.

Sito università: https://pte.hu/english

aa.jpg

Salamanca (Spagna) Salamanca si trova nella Comunità Autonoma di Castiglia e León nella meseta settentrionale. Situata a 200 km da Madrid, più vicina al confine con il Portogallo che alla capitale spagnola, Salamanca è un autentico gioiellino, una delle città più belle dell’intera penisola iberica. È stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1988. Salamanca è città del pensiero e della cultura, e questo sedimento culturale si avverte in ogni anfratto del suo bellissimo centro storico. La cittadina è infatti famosa per la sua Università, che è la più antica di Spagna e una delle più antiche in Europa insieme a quelle di Bologna, Parigi, Oxford, Cambridge, Arezzo, Padova e Napoli. La fondazione dell’università risale all’anno 1218 per opera del re Alfonso IX di León, con la categoria di Studio Generale del suo regno. L’Universitad de Salamanca vanta titolo di Studium Generale per la varietà dei suoi insegnamenti, la sua caratteristica non privata (aperta a tutti) e la validità delle sue lauree. Oggi, l’Università di Salamanca conta circa 30.446 iscritti a cui si aggiungono numerosissimi gli studenti Erasmus e quelli d’interscambio linguistico e culturale.

Sito università: http://www.usal.es/

aaa.jpg

Tolosa (Francia) Tolosa è il capoluogo e il cuore culturale dell’Occitania. Attraversata dalla Garonna, è situata nella regione sudoccidentale del Paese, a circa 100 km di distanza dai Pirenei spagnoli. È la quarta città più popolosa del Paese dopo Parigi, Marsiglia e Lione e la sua popolazione studentesca è altissima (circa 110.000 abitanti sono studenti universitari). La vita culturale tolosana è ricca di apporti interculturali dovuti anche alla gran quantità di studenti, francesi e non, presenti nella città, che favoriscono un clima di tolleranza e di amicizia, nonché di grande scambio culturale. A Tolosa ha infatti sede la seconda università più antica di Francia (subito dopo Parigi): l’Université de Toulouse è stata fondata nel 2007 ed è formata da un insieme di facoltà e grandi scuole pubbliche che ospitano circa 104.000 studenti.

Sito università: www.univ-toulouse.fr/

a1.jpg

Utrecht (Olanda) Utrecht è un elegante città a sud di Amsterdam, da percorrere a piedi o in bicicletta per ammirare il suo bel centro storico, circondato dai tipici canali olandesi. Nel suo meraviglioso centro storico si può oggi ammirare un gran numero di monumenti risalenti al periodo medievale e a quello gotico-rinascimentale. La città, che ospita oltre 30mila studenti universitari è anche animata da numerosi avvenimenti culturali: infatti, durante il periodo estivo si tiene un famosissimo Festival di musica antica. L’Università di Utrecht è stata fondata nel 1636. È considerata una delle più antiche università dei Paesi Bassi e una delle più grandi in Europa. È stata classificata quale migliore università dell’Olanda, nona migliore università Europea e quarantasettesima migliore università mondiale. La città e la sua università vivono in simbiosi. La forte presenza di giovani studenti, ricercatori provenienti da tutto il pianeta rendono il clima culturale molto frizzante. L’università vanta 10 premi Nobel, 13 premi Spinoza e un premio annuale di 2,5 milioni di euro da spendere per nuove ricerche, mentre il suo motto è “Sol Iustitiae Illustra Nos“, che significa “Il sole della giustizia, risplende su noi”. L’università di Utrecht fornisce l’accesso ad una ampia molteplicità di strutture, come ad esempio la biblioteca, al cui interno sono conservati testi risalenti al periodo medioevale, opere redatte in latino, aramaico, siriano e greco.

Sito università: https://www.uu.nl/en

a2.jpg

Ilaria Guidi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...