Valencia e Bologna a confronto

Quando sono arrivata in questa Università la mia attenzione è stata subito catturata da tante cose. Ho presto capito che c’erano molto differenza con la mia Università a Valencia. Tutto per me era nuovo: era raro il giorno in cui passando per Via Zamboni non c’era un gruppo di studenti che cantava “Dottore, dottore..”. E che cosa era la corona che portavano in testa? Quando ho iniziato a seguire le lezioni le domande non sono finite.

14461112416244

Materie, esami e convocazioni

Sei appelli d’esame in un anno? Cinque libri da studiare per una materia? Tante cose per me erano strane e davvero nuove. Oggi, cinque mesi dopo, proseguo il mio processo di adattamento e continuo a stupirmi delle differenze con la mia Università spagnola.

Studio giornalismo all’Università di Valencia e la prima cosa che mi colpì fu che la mia laurea qui non esisteva. A Bologna studio Comunicazione pubblica e d’impresa, una laurea che ingloba materie di tre lauree della mia università: pubblicità, comunicazione audiovisiva e giornalismo.

Ci ho messo un po’ a capire il sistema degli esami. Nella mia università è normale avere due convocazioni all’anno: la prima a fine quadrimestre, in gennaio o maggio, e una seconda in maggio o giugno, solo per chi ha sospeso o vuole aumentare il proprio voto.

Ma che cosa succede se salti entrambi? L’anno successivo devi ripetere la materia, con l’inconveniente che quando sei matricola, la materia sospesa ti costa un 20 percento in più rispetto al suo prezzo iniziale. Questo aumenta ancora più se è il terzo anno che si frequenta: il prezzo è il doppio dell’iniziale (sì, avete capito bene: meglio studiare in tempo). Ogni allievo può presentarsi al massimo a 6 convocazioni. Nel caso non vadano bene, si potrà presentare alle convocazioni straordinarie ma questo macchierà il suo titolo.

Square of Saint Mary's and Valencia  Cathedral Temple in old town.Spain.

Le lauree all’Università di Valencia

La mia Università ha tre campus in tutta la città (due di essi in piena zona universitaria). L’università offre corsi di laurea e post-laurea in tutte le aree del sapere: arte ed umanistica, salute, ingegneria e scienze, scienze sociali, economiche, giuridiche e dell’educazione.

La maggioranza dei “gradi” (corsi di studio) hanno una durata di quattro anni. Questo senza contare il doppio-grado che è una carriera di 5 anni dove l’alunno frequenterà un piano accademico con materie di due corsi differenti ed uscirà con un doppio titolo. Oltre a questi, corsi come medicina o infermeria hanno una durata superiore a quattro anni.

Nei corsi di quattro anni la struttura è più o meno questa:  primi  due anni con un programma accademico ‘chiuso’, cioè composto da materie obbligatorie. Gli due ultimi anni si mischiano le materie obbligatore con le facoltative: l’alunno dovrà scegliere tra un’offerta di materie che gli permette di fare il percorso per raggiungere i crediti necessari. Questa è una differenza con l’Italia:  l’alunno non può scegliere materie di altri gradi. L’ultimo anno, l’alunno dovrà conciliare gli studi con un certo numero di pratiche esterne. Per terminare il percorso è obbligatorio presentare il Lavoro Finale di Grado (TFG) e senza la sua approvazione, non si potrà avere il titolo universitario.

Concluso il percorso, l’università ti offre la possibilità di fare un post-laurea: uno studio universitario superiore al titolo di grado. Tra questi, lo studente potrà decidere se fare uno studio professionalizzante, chiamato Master, o un dottorato. La durata ed il piano accademico di ognuno varia molto secondo la città e l’università.

ninguna-universidad-espanola-esta-entre-las-150-mejores-del-mundo

Le lezioni sono quasi tutte con obbligo di frequenza, benché talvolta sia possibile seguire da non frequentanti. E’ possibile inoltre seguire le lezioni come uditori.

Per il mio corso di laurea, l’Università offre la possibilità di acquisire conoscenze pratiche tipiche della professione. Per questa ragione, l’Università ha il suo proprio studio televisivo e radiofonico, dove puoi vedere gli alunni imparare per poi diventare in futuro i prossimi presentatori di radio o televisione.

Rispetto alla lingua utilizzata in ogni lezione, i corsi vengono impartiti in spagnolo e valenzano. E per gli alunni che scelgono frequentare il percorso in inglese, esiste l’offerta dei gruppi ARA (Alto Rendimento Accademico), dove il 100 percento delle lezioni sono impartite in questa lingua. L’inconveniente è che questa offerta è disponibile solo per alcuni corsi.

Ho incontrato più differenze che somiglianze tra le due università. Su una cosa non c’è dubbio: l’Erasmus da l’opportunità di conoscere un sistema universitario completamente differente da quello della tua città natale e impari molte cose che sicuramente non avresti imparato rimanendo nella tua università.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...