Redazione Web 2015/16: cosa è stato fatto, obiettivi raggiunti e come continuare

Lo scorso 9 giugno la Redazione web 2015-16 si è riunita per analizzare e discutere il lavoro svolto nel corso dell’anno. Si conclude infatti la tappa annuale del percorso fatto insieme sinora. Condividiamo qui le nostre riflessioni, per allargare il dibattito e promuovere le tappe successive.Un anno di test, sperimentazioni, novità, che ha portato la redazione a toccare con mano le dinamiche di un blog universitario e la gestione delle piattaforme social.

Perché un report finale?
Come ogni attività, digital e offline, necessita, al suo termine, di un resoconto per fare il punto della situazione sull’andamento delle attività svolte, con l’obiettivo di individuare le azioni performanti e le eventuali aree di miglioramento.

Il blog Compassunibo nel 2015-16:  impegno, costanza, prove e novità
Le tematiche hanno spaziato dal marketing alla comunicazione politica, dalle pubblicità alle novità sui social. Non sono mancate le rubriche dedicate alle esperienze all’estero dei colleghi, le interviste ai laureati, così come gli articoli dedicati a eventi/manifestazioni dell’Alma Mater e non solo.

Solo chi non si sporca le mani non commette errori: i contenuti di qualità ci sono, ora possiamo dare anche una nuova veste grafica al blog per condividere un’immagine più chiara e identificativa

I social media Compassunibo: rubriche, nuovi account, presenza costante

Instagram: il “nuovo” che stupisce, social in crescita e in grado di comunicare in maniera fresca e inedita: il Compass è uno dei pochi corsi di studi in Italia ad averlo adottato per raccontare ai futuri/attuali studenti, la vita universitaria. Rubriche sulle esperienze all’estero fatte dai nostri studenti, foto che mostrano la città che ci ospita, Bologna, condivisione degli eventi/manifestazioni. Ancora qualche dettaglio da affinare ma la strada intrapresa è quella giusta.

Statistiche IG

Crescita dei like sul profilo Instagram Compassunibo da novembre 2015 a fine aprile 2016

Twitter: il “consolidato” che non tradisce mai. Di fatto la piattaforma social che ha generato il maggior seguito e che ha seguito un trend di crescita di un follower al giorno negli ultimi 3 mesi.

Sicurezza, dirette live ed engagement
Pagina Facebook. Utilizzato per la condivisione degli articoli del blog e per la pubblicazione di foto/eventi: il gigante blu si candida come la piattaforma per eccellenza nella quale intercettare i nostri colleghi ed ex colleghi universitari – e non solo.
Il miglior risultato sono +236 i follower alla pagina da inizio novembre. Ah proposito…grazie😉.
Possiamo sicuramente creare ancor più coinvolgimento.

Statistiche

Crescita dei fan della pagina Facebook da novembre 2015 a maggio 2016.

Conclusioni
L’aspetto principale che è emerso dal report finale è sicuramente positivo, con punti di forza e aree di miglioramento che fortunatamente ciascuno di noi ha.
La riunione di redazione ha portato la riflessione anche al che fare di domani, la tappa  successiva, per favorire il senso di community e di identità del Compass e gli obiettivi di un blog a supporto del corso di studio.

Il blog ha lo scopo di posizionarsi e di “rappresentare” una sua identità, caratterizzata al tempo stesso da aspetti permanenti e dinamici, così come in parte simili nelle aspettative ma anche diversi nelle caratteristiche singole e di gruppo ogni anno sono i suoi abitanti: studenti e docenti; così come simili sono le cadenze e contenuti dell’anno accademico istituzionale ma diverse le esperienze ed eventi formativi che mano a mano si realizzano e si propongono. Il blog e la rete dei social network che lo accompagnano possono essere punti di riferimento e raccordo narrativo di come il nostro microcosmo universitario Compassunibo si coniughi e dialoghi con il mondo esperto della comunicazione e del marketing.

Una domanda che attraversa la nostra esperienza e che occorrerà tenere presente anche il  prossimo anno è: “vogliamo puntare sulla visibilità o sulla qualità dei contenuti anche rinunciando a una minor esposizione? È possibile giungere ad un compromesso?”.

Rispondere è tutt’altro che scontato, ma quello che più importa è avere lo stimolo, la curiosità e il desiderio di interrogarsi su dinamiche che riguardano gli aspetti più profondi della comunicazione e l’essenza delle rivoluzioni digitali tutt’ora in atto.

Per quanto riguarda invece l’operato della redazione web 2015-2016, siamo tutto sommato soddisfatti: pensiamo di non meritare il lamentoso “l’allievo si impegna ma può fare di più”; diciamo che preferiamo promuoverci con ottimi voti e con il desiderio, ovviamente, di fare sempre meglio, rendendo il blog uno strumento d’informazione quotidiana su esperienze formative, eventi, attività, riflessioni, prodotti che la grande community di Compass propone, attraverso i suoi corsi, i suoi studenti di oggi, di ieri e di domani.

Francesco Veronese 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...