Tirocinio extracurriculare: come e perché, ce lo racconta lo studente Alessandro Bordini

Alessandro Bordini, studente Compass all’ultimo anno, come altri studenti ha deciso di iniziare un tirocinio in un’agenzia di comunicazione, marketing e pubbliche relazioni che poi si è trasformata in un lavoro part-time. Lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la sua esperienza.

1- Raccontaci come mai hai deciso di fare l’esperienza di tirocinio extracurriculare.
Ho deciso di intraprendere questa nuova avventura per mettermi alla prova e applicare i miei studi all’interno di un’azienda che si occupa proprio di comunicazione, inoltre ho voluto testare le mie capacità ed iniziare ad inserirmi nel mondo del lavoro.

2- Come sei entrato in contatto con l’azienda?
Ho iniziato la mia ricerca inviando curricula già dopo aver conseguito la laurea triennale. Avevo contattato in precedenza l’azienda presso la quale lavoro ma con scarsi risultati. A seguito di un secondo tentativo sono stato chiamato per un progetto riguardante un evento ed ho colto la mia occasione.

3- In che modo i tuoi studi presso Compass ti hanno aiutato con quello che fai?
Ho trovato particolarmente utili alcuni corsi come Comunicazione e Web e le attività di laboratorio, perché più pratici e meno teorici, così come gli approfondimenti a lezione di alcuni professori o i vari incontri con le aziende. Questi strumenti si sono rivelati molto validi all’interno dell’ambito lavorativo in quanto concreti e in grado di calarti nelle dimensioni con le quali ci si riscontra tutti i giorni nel campo della comunicazione.

4- Di cosa ti occupi?
Inizialmente sono stato chiamato per occuparmi dell’organizzazione di un evento ed in seguito per creare un sito web relativo agli eventi della bassa Romagna. Adesso mi occupo di marketing urbano per la città di Faenza, volto ad incentivare la frequentazione del centro storico della città, inoltre seguo anche la promozione del sito sui social. Non ho un ruolo definito, sono piuttosto flessibile.

5- E’ difficile gestire studio e lavoro?
Credo che se una persona sia sufficientemente motivata sia anche in grado di gestire diversi impegni, io però l’ho fatto per un periodo limitato e mi rendo conto che come pendolare sarebbe stato più complicato gestire la situazione più a lungo.
Mi sento comunque di consigliare a tutti un’esperienza lavorativa come la mia anche e soprattutto dal punto di vista formativo.

6- Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
I miei progetti per il futuro sono legati all’ambito lavorativo, vorrei trovare un’occupazione e seguire corsi di aggiornamento per continuare l’attività formativa e stare al passo con i tempi.
Mi piacerebbe trovare occupazione nel campo del web marketing, magari cercando di coniugare il lavoro con le mie passioni che nel mio caso sono legate al calcio e alla musica.

Cecilia Ferrari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...