Simone Moro e il silenzio stampa d’alta quota

Chissà se Simone Moro, sulla vetta del Nanga Parbat a 8125 m di altitudine, avrà pensato, anche solo per un momento, alla decisione di mantenere una sorta di silenzio stampa per tutta la durata della sua spedizione. Di certo sappiamo che, ancora una volta, questa scelta sembra portare un’immensa fortuna allo sport italiano.

morotwittercommorosimone

twitter.com/morosimone

Con un provvedimento anche criticato, l’alpinista bergamasco, da sempre molto attento e puntuale nell’uso dei social network e della comunicazione, ha infatti scelto di non sfruttare la tecnologia per dare informazioni al pubblico sullo stato della scalata, preferendo mantenere tutte le energie rivolte alla montagna. Nell’alpinismo di una volta, quello, per intenderci, dei vari Bonatti, Messner o Hermann Buhl, tutto questo sarebbe stato la normalità. Non c’era alcun modo di comunicare con il campo base, figuriamoci far sapere in tempo reale l’esatta posizione ai vari “me” che, comodamente dal divano di casa in un altro continente, seguono quasi in tempo reale la cronaca della salita nei vari blog sportivi. Una volta, dopo una scalata, scrivevi un libro. Una presentazione ai giornalisti, qualche domanda, e il tuo rapporto con i media finiva lì.

Gazzetta.it

gazzetta.it

Oggi, invece, il mondo sportivo è cambiato, l’atleta è diventato un brand, del quale si cura l’immagine, e di conseguenza la comunicazione.  Chi, come Simone Moro, sa farlo bene riesce ad acquisire grande popolarità, fino ad allargare la visibilità del proprio sport d’appartenenza.
La popolarità però a volte comporta dei rischi, e più uno è famoso e attivo nei social media, più è nudo davanti alle critiche, critiche che a volte possono diventare insostenibili.
Tanto da preferire un silenzio stampa.

Ma cos’è il silenzio stampa?
Con questa espressione s’intende la scelta di non far pubblicare notizie su un determinato argomento d’interesse dei mass media. È quindi una decisione che si prende nei confronti degli organi di informazione: se non riferisci loro nulla, questi non potranno scrivere alcunché, e le informazioni rimangono segrete ( o almeno questo è lo scopo, al netto della fuga di notizie).

Ne esistono di tre tipi. Il primo è d’iniziativa giornalistica, che avviene quando è il cronista, o i giornalisti, che decide di non parlare di un certo avvenimento, preferendo rinunciare al diritto di informazione pur di salvaguardarne qualcun altro. Anche una fonte può richiedere che venga mantenuto il silenzio stampa, qual ora la divulgazione della notizia possa metterla in pericolo. Un esempio è ciò che accadde nel 2009 a seguito del rapimento, da parte delle milizie talebane in Pakistan, di David Rodhe, reporter del New York Times.
In quell’occasione diverse testate decisero di non dare risalto alla notizia, evitando così che i sequestratori capissero chi tenevano in ostaggio. La notizia fu resa nota solo quando il giornalista riuscì a mettersi in salvo, scappando con una collega dal luogo in cui erano prigionieri.

Il secondo tipo è il silenzio stampa obbligatorio. In questo caso è il giudice che, applicando le leggi, dispone che si mantenga un silenzio stampa per non compromettere le indagini.  Per ultimo c’è il caso in cui il silenzio stampa è deciso dalle fonti, le quali scelgono di non fornire informazioni ai mass media. È  il caso dei personaggi famosi che rifiutano di rilasciare dichiarazioni ai giornalisti. È ricorrente negli sport, specialmente nel calcio dove, da quando fu messo in pratica dalla nazionale italiana in Spagna nel 1982, è usato sia come tecnica per difendersi dalle critiche, sia come amuleto portafortuna, poiché a seguito di quel silenzio stampa l’Italia vinse la Coppa del Mondo.

Schermata 2016-02-27 alle 20.51.48

Ma non è stato certo per superstizione che Simone Moro ha deciso di imitare la Nazionale italiana campione del mondo. Sono state le critiche ricevute dall’alpinista in tutti questi anni, soprattutto da chi non vede di buon occhio la scelta di comunicare, portando il mondo della montagna in una dimensione più social, a spingerlo verso un silenzio stampa.

Nelle ultime spedizioni, che non erano andate a buon fine, l’alpinista aveva sempre raccontato, tramite l’uso congiunto di tecnologia, web, ed energie mentali, molto ai suoi fan. Simone documentava, come in un diario di viaggio. Foto, video e riassunti della giornata erano catapultati nel suo blog dedicatogli da Gazzetta.it.
Nei giorni molto ventosi, quando si collegava dal campo base telefonicamente con le redazioni, si sentiva il vento sibilare, anzi, urlare. Per noi, comodi spettatori che al caldo ci abbuffiamo di notizie e sensazioni sempre più virtuali, trovavamo tutto quello spettacolare e affascinante. Dall’immaginarsi i paesaggi descritti nei libri, al sentire il rumore del vento in diretta streaming, ci passa un oceano, o, meglio, una montagna.

buferafacebooksimonemoroofficial

facebook.com/SimoneMoroOfficial

Così immersi nell’era dei contenuti accessibili con un click, in pochi pensavano al lavoro mentale che pretende la gestione della comunicazione. Sebbene qualche ministro ci abbia pure dato degli scienziati delle merendine, noi studenti di comunicazione invece sappiamo quanto lavoro ci sia dietro un buon lavoro comunicativo e  non mi sono quindi scandalizzato quando, in dicembre, ho letto che Moro aveva preso la sacrosanta decisione di mantenere il silenzio stampa durante tutta la spedizione.
Non più articoli ed interviste, solo qualche foto, giusto per non lasciare gli affamati di notizie a digiuno. Certo, il suo team non è rimasto a guardare. Le sue pagine ufficiali, nei vari social network, hanno mantenuto una certa attività, segno che dietro le quinte della comunicazione si mangeranno anche merendine, ma si lavora a pieno ritmo anche nei momenti di apparente calma.

facebook.comSimoneMoroOfficial

facebook.com/SimoneMoroOfficial

Di certo, dopo esser riuscito nell’impresa che era il sogno di una vita, tutte quelle critiche pesano meno, e il silenzio stampa è diventato subito un ricordo. Già dal campo quarto a più di 7000 m di altezza l’alpinista ha telefono con il satellitare per rilasciare delle dichiarazioni. L’adrenalina del successo sconfigge tutto, il silenzio è duro da mantenere quando si vuol urlare a tutti che si è riusciti in un’impresa straordinaria. Quindi tutto tornerà alla normalità. Le comunicazioni torneranno vive, i giornalisti saranno quasi amici, i fan vorranno soddisfare la loro sete di sapere, il brand dovrà tornare agli antichi fasti ed il poter comunicare un successo, piuttosto che una sconfitta, aiuterà portando nuovo entusiasmo.
Che è ciò che serve per una comunicazione originale, soddisfacente e al passo con i “social-tempi”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...