Pazienti digitali: l’aiuto della mobile health technology

Quando si parla del mondo digitale per il settore sanitario, uno dei termini in cui è frequente imbattersi è il concetto di e – Patients. Questa espressione definisce coloro che utilizzano Internet come strumento per cercare, condividere e a volte creare informazioni riguardo a salute e benessere.

Tom Ferguson, padre del termine, descrive l’e – Patient come un individuo che è preparato, attivato, autorizzato e impegnato rispetto alla sua salute e alle decisioni sanitarie. Egli ha infatti sottolineato che “a volte i medici devono sforzarsi nel chiamarli pazienti”.

telehealth

[Credits Medicitynews]

Le persone sembrano sempre più coinvolte nella cura della propria malattia, dimostrando in questo modo le potenzialità della Participatory Medicine. Questa condizione ha un effetto positivo sui pazienti, in quanto ottengono una migliore comprensione dei trattamenti sanitari e acquisiscono una sensazione di maggior controllo della malattia. Sorgono però di pari passo alcune preoccupazioni.

Non sempre gli utenti sono capaci di definire la qualità dei dati disponibili online. Inoltre non è certo che siano in grado di identificare siti web che forniscano informazioni qualitative e di  interpretare correttamente tali contenuti. Non si esclude che il risultato sia, il più delle volte, un paziente insicuro e confuso. Egli si ritrova a non sapere in chi riporre fiducia e a quale decisione medica sia meglio sottoporsi. Questo si ripercuote sulla sua qualità di vita e sulla relazione con lo staff medico.

È stato dimostrato che i degenti sono in grado di ottenere risultati sanitari migliori proprio quando le loro informazioni riguardo alla malattia sono ampie e complete. Questo vale non solo per i pazienti, bensì anche per i familiari, i quali sono spesso i primi a soffrire di problemi psicologici a causa della patologia del parente. Di fronte a questa consapevolezza è di fondamentale importanza garantire un appagamento di informazioni valide e derivanti da fonti autorevoli e legittimate.

Un possibile strumento di aiuto per raggiungere tale obiettivo può consistere nella mhealth. Nancy B. Finn ha elencato una serie di progetti per il 2016 legati alla mobile health technology . Tra questi troviamo gli Smartphone-linked wearable sensors, degli strumenti di diagnosi mobile capaci di fornire informazioni dettagliate che consentono di avere a disposizione un continuo flusso di dati utili per essere meglio informati sulle scelte di cura più adatte.
Vi sarà inoltre una maggiore disponibilità di eVisits, basate sulla telemedicine technology e che cambieranno la dinamica relazionale tra medico e paziente.

Robotica-chirurgica-633x350

[Credits Key4biz]

Il sistema di Big Data si espanderà e fornirà un magazzino di informazioni per rendere possibile una maggiore precisione della cura, in quanto basata sulle caratteristiche individuali di ogni singola persona. La Robotica continuerà a cambiare radicalmente le procedure chirurgiche e il suo utilizzo si espanderà, aiutando i pazienti e il personale medico negli ambienti domestici e ospedalieri, e in molte altre aree di assistenza sanitaria.

Questi esempi del progresso tecnologico applicato all’ambito medico fanno sì che i pazienti vengano trattati come veri e propri consumatori di sanità. Essi si aspettano servizi innovativi e di qualità. Per questo motivo – a mio avviso – il sistema sanitario di ogni paese dovrebbe cogliere e incrementare le potenzialità della tecnologia, mettendo in primo piano il benessere psico-fisico delle persone.

Monica L’Erario

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...