Politica e politici su Instagram: è un social funzionale alla comunicazione politica?

Iniziamo con alcuni dati: Instagram (IG) è un Social Network che permette di scattare e caricare foto, modificarle attraverso “filtri” e condividerle anche su altri social come Facebook. Nasce nel 2010 ed è inizialmente compatibile solo con i sistemi IOS; dal 2012 è disponibile anche per Android ed infine nel 2013 arriva anche la versione per Windows.
Nel corso degli anni non sono mancati gli aggiornamenti: nel 2011 viene lanciata la versione 2.0 che prevede nuovi filtri e nuove cornici per le foto e nel 2014 viene introdotta la possibilità di caricare brevi video.

Nel 2013 erano circa 150 milioni gli utenti che utilizzavano questo nuovo Social, di cui più del 60% proveniente da paesi diversi dagli Stati Uniti.Instagram Cover

Ma ad oggi Instagram ha raggiunto i 400 milioni utenti attivi al mese, superando definitivamente Twitter. Conta più di 40 miliardi di foto condivise e più di 3 miliardi di “like” al giorno.

Possiamo quindi affermare che è un social decisamente in crescita, che giorno dopo giorno sta conquistando sempre di più il popolo della rete.

A livello politico diverse organizzazioni, partiti e leader utilizzano questo strumeno come mezzo di comunicazione. I principali partiti politici italiani presenti su IG sono: il Movimento 5 Stelle, il Partito Democratico e Fratelli d’Italia.
In particolare, FdI è stato il primo partito a creare un proprio account nel 2012. In questi anni ha pubblicato un totale di 179 foto, ha raggiunto circa 1180 seguaci e ha iniziato a seguire circa 120 profili. L’ultimo post pubblicato risale a una settimana fa, ha raggiunto circa 30 “mi piace” ma zero commenti. In generale le foto pubblicate riguardano le campagne svolte dal partito, pubblicizzano incontri e sono molto incentrate sulla figura politica di Giorgia Meloni, Presidente nazionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.
Il profilo del Partito Democratico è nato nel Settembre 2013 e ad oggi può contare circa 1180 seguaci e 105 foto. Da Settembre 2013 a Febbraio 2014 non sono state pubblicate foto, ma nell’ultimo periodo ha iniziato ad essere più attivo. Le foto ritraggono principalmente il Presidente del Consiglio Matteo Renzi nei suoi impegni istituzionali.
Un caso particolare è il profilo del Movimento 5 Stelle: con sole 3 foto pubblicate, relative alle iniziative politiche del febbraio 2013, ha raggiunto velocemente e facilmente più di 3000 seguaci, con zero profili seguiti. Le poche foto pubblicate hanno ricevuto più di 200 “mi piace” e più di 20 commenti.

Per quanto riguarda i politici, sono tre le figure principali presenti su Instagram: Matteo Renzi, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi.

Profilo Instagram di Matteo Renzi

Profilo Instagram di Matteo Renzi

Il Presidente del Consiglio Renzi ha creato il suo account nel Settembre 2012 ed ha ottenuto fin da subito un elevato livello di engagement. È l’account più seguito nel campo della politica italiana: conta 29,9 K di seguaci, ha pubblicato 132 post, di cui l’ultima ha superato i 3000 commenti.
Giorgia Meloni ha raggiunto i 7171 seguaci e ha pubblicato più di 300 post. Le sue foto sono un mix di impegni politici e vita privata, riuscendo ad ottenere sempre molti “like”.
Silvio Berlusconi, nonostante sia approdato da poco sul IG, ha ottenuto in poco tempo molti follower e un alto grado di engagement (oltre 53.000 interazioni tra like e commenti).

Come si può evincere dai dati, IG è uno strumento ancora poco usato e sfruttato dalla politica italiana. Nella maggior parte dei casi si tratta di un utilizzo sporadico e unidirezionale.
Il caso del profilo del Movimento 5 stelle è molto interessante: nonostante sia il meno utilizzato dall’utente, ha raggiunto il maggior numero di follower e interazioni in pochissimo tempo.
Da questi dati potremmo dedurre che il popolo della rete è curioso e intenzionato a seguire la politica anche attraverso questo strumento, ma che spesso viene trascurato.

Quali consigli potremmo dare ai politici e ai partiti per ottimizzare la loro presenza su IG?
Prima di tutto, incrementare le relazioni bidirezionali: se i politici iniziassero a ripondere e ad apprezzare il sostegno che ricevono, creerebbero dei legami più stretti e diretti con i cittadini.
In secondo luogo, curare sempre l’immagine che trasmettono: un mix tra vita privata e vita politica serve sicuramente a rafforzare il legame con gli utenti e a sorprendere il target.
Non dimenticare di curare la biografia: è essenziale includere un link che rimanda ad altri profili o al sito personale. In questo modo l’utente allarga la sua rete ed ha la possibilità di accedere a maggiori informazioni.
Non escludere i video: rispetto alle immagini, danno un senso di realtà più diretto che avvicina ancora di più l’utente al politico, quasi ad annullare le distanze e le differenze.

La comunicazione online attraverso i contenuti visuali può essere molto efficace, per cui anche la comunicazione politica attraverso Instagram può essere un mezzo decisivo per il potenziamento del personal branding e per la creazione di una presenza online immediatamente riconoscibile.

Claudia Moretti

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...