Comunicazione politica online: strategie e consigli

Per ottenere una comunicazione politica efficace e di qualità ormai bisogna prestare molta cura e attenzione alla presentazione online.
Esistono degli aspetti della presenza online che non bisogna assolutamente sottovalutare se si decide di intraprendere una campagna di comunicazione politica.

Vediamone insieme alcuni.
Evitare il cross posting sui social: ogni social ha il proprio linguaggio e le proprie specificità tecniche.
Non trascurare il fattore tempo: non è consigliato aprire una pagina social solo all’ultimo momento. Sarebbe più opportuno riuscire a creare una community, attraverso una pianificazione temporale.
Aggiornare sui tragurati raggiunti: se ci si concentrasse solo sull’aspetto promozionale si perderebbe l’essenza della comunicazione 2.0, ovvero l’interattività.

Se si sceglie di aprire un sito ufficiale, scelta ottimale per ottimizzare le strategie di comunicazione, sarà senza dubbio necessario dotarlo di un comparto dedicato esclusivamente alle news.

La comunicazione politica efficace ha come obiettivo quello di creare un rapporto di fiducia nei confronti del personaggio politico, o della sua intera squadra.
Le news potrebbere rappresentare un strumento utile per creare e rafforzare la fidelizzazione, attraverso la pubblicazione di contenuti mirati e contestualizzati temporalmente.

Se si decide di dedicare una parte del sito alle news, allora si dovrà dividerle in aree tematiche, in modo che il visitatore del sito sarà facilitato nel ritrovare in poco tempo gli argomenti che più gli interessano, senza avvertire un senso di smarrimento.

Il sito web personale di Hillary Clinton, ad esempio, ci suggerisce anche l’importanza della presenza di elementi di storytelling.

Nella sua biografia è possibile ritrovare numero richiami ai suoi ultimi avvenimenti familiari, come ad esempio Claudia_2l’arrivo della sua nipote:

In 2014, Hillary took on a new role—grandmother to Charlotte Clinton Mezvinsky—and she couldn’t be prouder or happier

 

Sempre dall’America, in questo caso dalla campagna di Obama, arriva l’insegnamento di un’altra grande strategia di comunicazione: le infografiche.
Il titolo di un infografica deve rispettare la famosa “regola delle 5 W”: who, what, whe, when, where e why.
Consideranto che il tempo che viene dedicato alla lettura di un infografica è di circa tre minuti, già dal titolo si poter avere capire di cosa si parlerà nell’articolo.
Le infografiche sono molto utili poiché aiutano la comprensione dei messaggio: per crearne di vincenti non si trascurare l’ascolto costante delle richieste del target di riferimento.

claudia_1Nell’agenda online del Governo Renzi, è possibile trovare un’intera area dedicata solo alle infografiche, dimostrando come questo elemento sia entrato pienamente all’interno della strategia comunicativa del Partito Democratico.
Attraverso questo strumento è possibile dare spazio a temi che altrimento rischierebbero di essere considerati troppo accademici e complessi per il pubblico.
Consentono quindi di arrivare a più persone: cambiando il liguaggio utilizzato ( e in questo caso si passa ad un linguaggio prettamente visivo) si allarga il target di riferimento.

 

Claudia Moretti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...