Intervista a Cristiano Boscato: “l’innovazione è la chiave per restare sul mercato…”

Innovazione e tecnologia, in un precedente articolo vi abbiamo già parlato di questo tema raccontandovi dell’evento organizzato da Injenia lo scorso 19 Maggio al MAST di Bologna. In quell’occasione abbiamo avuto la possibilità di intervistare Cristiano Boscato, laureato in Scienze della Comunicazione e specializzato in Semiotica, oggi Sales e Marketing Director di Injenia. Ma com’è arrivato fin qui? Nell’intervista abbiamo riportato le sue stesse parole, chiare ed efficaci, espressioni di una persona molto comunicativa con cui abbiamo piacevolmente scambiato due chiacchiere sulle nuove tecnologie ma soprattutto sul mondo del lavoro oggi. Boscato ci ha raccontato la sua esperienza partendo dalla sua formazione fornendoci anche qualche consiglio…

Per iniziare, potresti raccontarci il tuo ruolo all’interno dell’azienda e di cosa ti occupi nello specifico?

Sono uno dei proprietari di Injenia. Nello specifico mi occupo della parte commerciale e marketing: gestisco tutti i nostri sales e dirigo lo staff, la mia responsabilità è fare in modo che Injenia venga raccontata al mondo nella maniera migliore possibile. Sono arrivato nel 2010, proprio mentre l’azienda stava cominciando ad entrare nel mondo Google e mi è stato richiesto di incrementare questo business. Ne è risultata una rivoluzione e così sono diventato socio.

Parliamo della tua formazione universitaria, come sei arrivato fin qui e com’è stato il tuo primo impatto con il mondo del lavoro?

Ho fatto il Liceo Classico, laurea triennale in Scienze della comunicazione a Bologna e poi Discipline della Semiotica come laurea Magistrale, io infatti, sono un umanista rubato alla matematica e la Semiotica è il mio asso nella manica, la uso nel linguaggio, per analizzare gli effetti di senso delle parole e vi devo dire che, oggi, quando entro in competizione, una delle cose che mi fa fare il salto di qualità è proprio la forma mentis che ho ricevuto da questa disciplina.

Lavoravo già mentre facevo l’università, ho cominciato con il Resto del Carlino, poi per 5 anni sono stato addetto stampa alla Provincia di Bologna, in quegli anni ho lavorato ad una campagna per la sicurezza delle strade che ricordo bene: per la prima volta mettemmo gli autovelox sulle strade provinciali e la campagna pubblicitaria correlata aveva dei cartelloni con immagini molto forti. Salvammo diverse vite, perché in quelle strade ogni settimana c’era almeno un incidente mortale. Insomma, da quando sono a Bologna ho sempre studiato e lavorato, ho fatto anche il cassiere al cinema ed ho fondato una start-up che si occupava di servizi innovativi sempre per la Pubblica Amministrazione. Per questo, posso dire che non c’è stato un particolare impatto con il mondo del lavoro anche perché ho sempre pensato che avrei potuto fare qualsiasi cosa se avessi dato il massimo.

Considerando il tema della giornata organizzata da Injenia per festeggiare i suoi 10 anni: Innovazione e tecnologia, quali nuovi strumenti pensi rivoluzioneranno il mondo del marketing?

I BigData, tutta la vita. Oggi non si parla più di come proporre online i prodotti ad un cliente, quello che si fa è andare a capire come ragiona il cliente, si studiano i suoi comportamenti nel negozio e come si muove sul web. A questo punto, si shakera (BigData) e si riesce a dare al cliente ciò che lui vuole ancor prima che lo richieda. Quindi, analizzare i movimenti online e offline. L’innovazione è la chiave per restare sul mercato.

Infine, cosa consiglieresti ad uno studente di scienze della comunicazione che vorrebbe intraprendere il tuo stesso percorso?

Il concetto chiave è capire cosa ti piace, studiarlo e dare il meglio.

Nel 2015 non esiste più il lavoro prestabilito e, se c’è, non dura molto. Io stesso, non credo che finirò in Injenia, muoiono le multinazionali, figuriamoci le società normali. Più che inventare un mestiere, di questi tempi bisogna costruirsi una professionalità, ad esempio: vuoi fare marketing? Devi diventare il migliore nel settore. Vuoi lavorare sul marketing di Twitter? Devi sapere tutto di Twitter, tutto.

È necessario fare esperienza e capire quali sono le nostre inclinazioni ed essere il numero uno in quello! Più uno punta sulle proprie passioni, più sarà soddisfatto. Il lavoro di oggi deve essere mixato con la felicità, altrimenti non si va da nessuna parte! 

Talento + passione, oggi è questo che fa la differenza!

Adriana Angelieri, Eleonora Schulze Battmann

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...