Mollo tutto e me ne vado! Le esperienze di chi ha voluto dire basta

“Sai.. penso che partirò, si ho deciso…mollo tutto e me ne vado.. qui non c’è più nulla per me!”. Questa è la frase che spesso ho sentito dire in bocca a molti miei coetanei, anche io stessa l’ho pronunciata in momenti difficili della mia vita, quando vedi tutto storto e pensi che il tuo paese non possa più offrirti nulla di buono, ma come si dice “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”. In realtà, c’è veramente chi questo coraggio l’ha trovato, mosso da problemi finanziari o dalla volontà di cambiare vita e di voler vivere qualcosa di nuovo, una nuova esperienza in un altro cambierete-punti-di-vistapaese.

Per questo oggi nel mio articolo tratterò di viaggi, ma anche di coraggio e di cambiamenti, legati a ragazzi comuni, come noi, che hanno saputo dire basta alla monotonia di tutti i giorni che li stava appassendo, per sperimentare qualcosa di diverso.

Prima di tutto mi sono chiesta come mai spesso in noi giovani sorge questa volontà, di partire e lasciare tutto. Ovviamente la risposta è quasi scontata: facilità nel trovare occupazione, una buona retribuzione, possibilità di stabilizzarsi, meritocrazia e opportunità di carriera. Un neolaureato in Italia guadagna circa 1054 euro, all’estero 1568 euro. Dopo cinque anni il divario è ancora maggiore. Lo stipendio vola a 2324 euro mentre in Italia sale solo fino a 1378 euro. E, soprattutto, la percentuale di lavoro stabile ad un anno dalla laurea è maggiore all’estero: 48 per cento rispetto al 34 per cento dell’Italia (Fonte Almalaurea). Inoltre, in Italia, molti giovani, dopo la laurea, sono costretti ad accettare stage lavorativi con retribuzioni assurde, che quasi non arrivano neanche ai 600 euro. Ecco svelato l’arcano si può dire, e di testimonianze ce ne sono parecchie sul web.

Viviana e Massimo erano due giovani come tanti, insoddisfatti a livello accademico e lavorativo decidono mercoledì 13 aprile 2013 di partire, destinazione: Christchurch, Nuova Zelanda. Adesso Viviana dice:” ..La nostra è stata una decisione di coppia: volevamo migliorare le nostre vite, soddisfare le nostre curiosità e conoscere il mondo, insieme, e ce l’abbiamo fatta. Viviamo in un paese paesaggisticamente stupendo, dove la gente è molto cortese e lo stile di vita assai rilassato. È un’esperienza che ci mette quotidianamente alla prova e ci fa crescere sia professionalmente che umanamente, come persone e come coppia.” Insieme hanno anche creato il Blog“An expected Journey dove tengono aggiornati ogni giorno parenti ed amici sulle loro giornate e su ciò che gli accade e aiutano i nuovi arrivati italiani con consigli e aneddoti.

Eleonora Dutto, 30 anni, nata a Roma e laureata in Relazioni Internazionali si è trasferita in Australia nel 2012. Se le chiedono perché lei risponde: ”..E’ stato soprattutto perché sono delusa e stufa delle condizioni del lavoro in Italia: anche se si tratta di un semplice “casual job” non voglio accettare più compromessi e mancanza di rispetto verso il mio impegno”, è presente su Facebook per dare consigli a chi vuole seguire le sue orme, e nel suo Blog “FrontiereNews” racconta con episodi quotidiani la sua esperienza di vita in parti differenti dell’Australia.

Spesso questi italiani ‘in fuga’ cercano altri coetanei per aiutarsi a vicenda e condividere storie ed esperienze comuni, creano Blog e profili Facebook per discutere anche a distanza, quindi se volete partire e state cercando coetanei italiani all’estero, vi consiglio di cercare Claudia Cucchiarato sul web. Giornalista per varie testate giornalistiche, vive a Barcellona dal 2005, nel suo libro “Vivo altrove” da voce a chi, come lei, ha deciso di non vivere più in Italia. Ha creato anche il Blog “Vivo altrove“: giovani e senza radici” dove raccoglie quotidianamente le storie di chi ha deciso di non restare, favorendo il dibattito e la relazione tra giovani.

Credo che tutto questo ci faccia riflettere parecchio, viviamo in un paese meraviglioso da molti punti di vista, che potrebbe farci tutti felici, ma che facciamo fatica a gestire, quindi siamo costretti ad andarcene, ma c’è ancora chi crede che si possa fare qualcosa, giovani che hanno fatto la più grande scommessa della loro vita: di rimanere e crederci! Quindi se anche voi confidate ancora, vi consiglio di consultare il Blog “Cervelli di ritorno”, creato da Serena Carta, una giovane laureata che ha deciso di fare marcia indietro. Lei stessa dice:” In questo Blog racconto le storie dei cervelli-in-fuga che hanno fatto ritorno in Italia, ma anche di coloro che hanno deciso di non partire e di chi ha messo in piedi iniziative per offrire ai giovani del proprio territorio la scelta di restare.”

Credo sia un’iniziativa stupenda ma anche complicata, anch’io vorrei rimanere ma non so cosa mi riserverà il futuro, e se avrò la possibilità di soddisfare i miei sogni anche qui. Comunque, sia che si decida di restare, sia che si decida di sperimentare una nuova avventura all’estero, l’importante è sentirsi in pace con se stessi, essere felici e non avere rimorsi, anche davanti a qualcosa che vorresti fare e che ti sembra folle!…in fondo Oscar Wilde diceva: ”Le uniche cose che non si rimpiangono sono le proprie follie”.

Infine, penso che non sia da sottovalutare l’importanza del web in tutte queste esperienze. Attraverso il web, con i vari Social network e Blog, è possibile tenersi in contatto con la propria terra nativa se ti trovi lontano dal tuo paese d’origine, oppure, solo accendendo il tuo PC, si possono ottenere una quantità di informazioni spropositate e diverse su un altro paese del mondo, magari proprio quello in cui si è trasferito tuo figlio, tua sorella od un tuo amico. Inoltre, puoi creare delle reti sociali sviluppando relazioni con altre persone che condividono con te questa esperienza, o che l’hanno sperimentata in passato e possono darti utili consigli di vita. Quindi, per concludere, non dobbiamo mai tralasciare l’importanza del web come risorsa per viaggiare, per comunicare, e per tenerci in contatto con gli altri…in fondo non sappiamo cosa ci aspetti il futuro. 

 

Giulia Baccigotti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...