Why war?_Day 4: pace e guerra

L’evento Why war? è arrivato alla sua quarta giornata proponendo la visione del film “La grande guerra” diretto dal maestro Mario Monicelli nel 1959. La professoressa Daniela Giannetti, Preside della Scuola di Scienze Politiche, ha introdotto la proiezione prendendo spunto dalle parole chiave della giornata; pace e guerra. Una dicotomia affrontata dal film in maniera tragicomica come nelle più classiche commedie all’italiana.

Daniela Giannetti ha sottolineato come la scelta dal regista di abbandonare lo stile neorealista sia stata azzardata. Raccontare le vicende della prima guerra mondiale sotto un aspetto tragicomico portò ad una censura della pellicola al momento dell’uscita nelle sale. Successivamente però ricevette il Leone d’oro come miglior film della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

locandina la grande guerra“La grande guerra” è una rappresentazione dell’Italia di allora. Poco più di cinquant’anni erano passati dall’unità e seppur la dimensione spaziale era divenuta compatta, la nazione presentava una notevole frammentazione di profili culturali. Questa diversità viene sottolineata nel film attraverso i diversi dialetti parlati dai soldati. Oreste Jacovacci e Giovanni Busacca, interpretati rispettivamente da Alberto Sordi e Vittorio Gassman, rappresentano perfettamente la realtà dell’epoca. Romano il primo, milanese il secondo, si ritrovano insieme al fronte per combattere sotto la stessa bandiera. Una guerra che fu fondamentale per creare una vera unità nazionale dal punto di vista culturale ed ideologico.

“I protagonisti sono due antieroi, due lavativi che poi si trasformano in eroi”, continua la professoressa Giannetti nella sua presentazione. Le varie interazioni colloquiali tra protagonisti e personaggi rimarcano l’aspetto comico del film mentre spetta alle immagini trasmettere la drammaticità di un evento catastrofico come la guerra.

A conclusione della sua introduzione alla proiezione Daniela Giannetti osserva come “questo film sia una pagina di cinema che racconta la verità sulla nostra storia nazionale”.

Questo pomeriggio l’ultimo appuntamento con gli incontri Why war? per concludere questo ciclo di incontri organizzato dal Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali per ricordare la Grande Guerra a 100 anni dal suo scoppio.
Vi aspettiamo alle ore 16,00 presso l’aula Poeti a Palazzo Hercolani. Oggi si discuterà di accelerazioni e trasformazioni.

Licia Franceschini

Consulta il programma di oggi, 14 novembre, sul sito ufficiale.

Annunci

Un pensiero su “Why war?_Day 4: pace e guerra

  1. Pingback: Speciale Why war? Parole e figure a 100 anni dalla Grande Guerra | CompassUnibo blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...