Snapchat, il successo dei messaggi… a tempo

Foto, video e messaggi che, una volta visionati, si autodistruggono: stiamo parlando di Snapchat, il social network che cancella i segreti in tempo reale. Proprio per questo piace soprattutto agli adolescenti, che possono scambiarsi frasi, pensieri e immagini al riparo dagli sguardi indiscreti di mamma e papà: dopo 10 secondi tutto magicamente scompare e dei contatti non rimane traccia.

Come in ogni sogno americano che si rispetti, i suoi inventori, Evan Spiegel e Bobby Marphy, sono partiti da zero, semplicemente con un’idea geniale. Dopo aver abbandonato la Stanford University si sono messi assieme e sul lungomare di Venice, in California, dentro un bungalow che fino a poco tempo fa era ancora il loro ufficio, hanno trasformato l’idea in applicazione. Dal 2011, quando Snapchat è stato inventato, il successo è stato folgorante: ogni giorno sono oltre 350 milioni i messaggi che vengono condivisi sulla piattaforma.

Un successo che non è certo passato inosservato: i due giovani soci hanno recentemente rifiutato una proposta di acquisto giunta da Facebook per la modifica cifra di 3 miliardi di dollari! Allora una domanda sorge spontanea: come si finanzia la app, visto che è gratuita e non ha pubblicità? Proprio attraverso i finanziatori che ci hanno scommesso sopra, permettendone la creazione e la crescita, e che stanno continuando ad investirci milioni di dollari.
Meccanismo che fa naturalmente crescere le quotazioni di Snapchat, a cui starebbero guardando con interesse investitori cinesi e coreani. Anche perché la app si sta arricchendo di sempre nuove funzioni, come Snapchat Stories, che permettere di unire insieme in una “storia” video e foto capaci di durare non più per pochi secondi, ma per 24 ore. O come Snapchat Micro, che funziona con la fotocamera del Samsung Galaxy Gear.

L’idea vincente è proprio quella dei messaggi a tempo, infatti gli snap vengono eliminati dai server dopo essere stati visti. Attenzione, però: non si può impedire al destinatario di catturarli e salvarli utilizzando un dispositivo di acquisizione immagini: sono gli stessi creatori a scrivere di fare attenzione. Nella Privacy Policy della app si legge: “…Come per qualsiasi altra informazione digitale, ci possono essere modi per accedere alle foto mentre sono in visione sui dispositivi dei destinatari, o anche dopo che sono state eliminate”.
Quindi occhio a non farsi ingannare dal fantasmino, che è anche il logo del social network: i messaggi scompaiono, ma chi è capace di andare a cercarli da qualche parte li ritroverà!

Elena Contini – studentessa Compass

Annunci

Un pensiero su “Snapchat, il successo dei messaggi… a tempo

  1. Pingback: Snapchat, il successo dei messaggi… a tempo | Mega Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...