San Valentino – L’amore fa il giro del mondo

San Valentino è il giorno nel quale si festeggia quel meraviglioso momento qual è l’innamoramento, scambiandosi doni, per ricordare l’uno all’altro l’importanza, la bellezza e il piacere di essere “toccati” da Eros. In onore dei tanti studenti stranieri, arrivati nel nostro Corso di Laurea Magistrale da ogni parte del mondo, vi portiamo a scoprire come si festeggia questa ricorrenza in giro per il mondo.

Ardiana ZenuniRiguardo le origini della festa di San Valentino storia e leggenda si intrecciano e spesso si confondono. Ci sarebbero molte varianti, ma tutte hanno un elemento in comune: l’Amore!

Quanti paesi hanno una festa dedicata agli innamorati?

Quasi tutti quelli del mondo, magari in periodi e date differenti da quelle del classico San Valentino della tradizione europea. Vi invitiamo a fare un viaggio con noi nei tanti modi di celebrare l’amore nel mondo.

Parigi, “La città dell’amore” è praticamente la capitale mondiale di San Valentino, dato che coppie da tutto il mondo vengono qui per questo giorno speciale. A San Valentino, gli amanti in Francia si scambiano lettere e cartoline, una tradizione mondiale che rivendica qui le sue origini. La storia dice che al duca d’Orleans, Charles, si deve la prima lettera di San Valentino, poiché ha firmato il suo poema come “Your Valentine“.

In Italia, quando si tratta di San Valentino la storia è lunga; un tempo lo si festeggiava come una festa di Primavera. Le coppie passavano la giornata circondate dalle meraviglie primaverili, immersi nella natura tra alberi o giardini ameni. Trascorrevano il tempo ascoltando musica, leggendo poesie o semplicemente passeggiando nei giardini. Oggi in Italia il giorno dell’amore viene festeggiato dagli innamorati con regali originali e simbolici, cene a lume di candela e lo scambio di biglietti d’auguri personalizzati. Anche in Inghilterra vi è una lunga e interessante tradizione: “ammiratori segreti”. Lettere romantiche e fiori vengono mandati anonimamente.

Tradizionalmente gli spagnoli sono conosciuti per essere un popolo passionale e tale caratteristica è perfettamente visibile il giorno di San Valentino. Per questo giorno si usa regalare rose rosse alle persone amate. In Finlanda, il 14 febbraio si festeggia “Il giorno degli amici”. Per l’occasione si preparano degli auguri creativi e piccoli doni per i partner, amici e famiglia. Il mandante è anonimo e ognuno deve scoprire chi si è ricordato di lui il 14 febbraio. Per San Valentino, a Wroclaw, in Polonia, le coppie non scelgono le rose ma i lucchetti per giurare amore eterno. Questi lucchetti vengono attaccati al ponte Tumski e la chiave viene in seguito gettata nel fiume Oder.

In Romania la festa degli innamorati si chiama Dragobete, e cade il 24 febbraio. Dragobete è nella mitologia rumena il figlio di Baba Dochia, che rappresenta  l’impazienza degli uomini nell’attesa dell’arrivo della primavera. Anche per la Slovenia, come per la Romania, la festa degli innamorati non rispetta la classica data, infatti il 14 febbraio in Slovenia è il giorno in cui si comincia a lavorare nei campi, mentre la tradizionale festa degli innamorati è San Gregorio, il 12 marzo.

Negli Stati Uniti, San Valentino viene festeggiato da tutti. Anche i bambini si scambiano biglietti raffiguranti i loro eroi dei cartoni animati. Nelle scuole viene spesso organizzata per l’occasione una festa di classe in cui ci si scambia regali e bigliettini pescati da una scatola con decorazioni in tema fatte dagli scolari stessi. In Sud America la Festa di San Valentino si celebra in modo simile, ma è intesa come festa non solo dell’amore, ma anche dell’amicizia ed è per questo chiamata “Día del Amor y la Amistad”.

Il Cile è conosciuto come “la terra dei poeti “, ed è vero che i cileni sono un popolo davvero romantico. Il ” Dia de San Valentin” è anticipato notevolmente dagli amanti. I Cileni amano festeggiare e San Valentino è un’occasione speciale per le coppie, che la celebrano con emozione vera. E’ tipico camminare per la città e vedere le decorazioni tutto intorno dei negozi, centri commerciali, le strade sono decorate con fiori, palloncini e ghirlande fatte a cuore.

Come per Romania e Slovenia, anche in Brasile il giorno dedicato agli innamorati non arriva il 14 febbraio, ma il 12 giugno, e viene chiamato Dia dos namorados. La scelta della data è quella della vigilia della festa di Sant’Antonio, tradizionalmente conosciuto nel paese come santo in grado di far innamorare le persone. In Argentina invece un giorno non è sufficiente per festeggiare San Valentino, nel paese del Tango infatti oltre alla convenzionale data del 14 febbraio si aggiunge un’intera settimana nel mese di luglio (13-20) chiamata “Sweetness week” durante la quale innamorati e amici si scambiano dolci e baci.

Mentre in Occidente San Valentino si festeggia il 14 di Febbraio, in Cina tale festa si tiene il settimo giorno del settimo mese del calendario lunare cinese. In questo giorno molti giovani manifestano il loro amore mentre i single pregano e sperano di trovare l’amore della loro vita. In molto parchi vengono organizzate diverse attività di incontro per i single di modo che possano pubblicare le proprie informazioni per presentarsi l’uno con l’altro. Nelle pagine web cinesi “la settima notte del settimo mese” diventa il tempo più caldo. Comunque la maggior parte dei doni portati sono uguali a quelli occidentali, nonostante ci sia da prestare più attenzione: soprattutto la scelta dei fiori deve essere ben pensata dato i loro diversi significati. Ad esempio chi regala un mazzo di rose gialle deve fare attenzione in quanto simboleggiano una dichiarazione di separazione.

Se i fiori sono simbolo di romanticismo allora Taiwan può vantare i festeggiamenti più romantici dato che è conosciuta proprio per i fiori. Lì si festeggia San Valentino due volte all’anno: il 14 febbraio e il 7 luglio. Qui le persone regalano mazzi di fiori alla persona amata. Secondo la tradizione del Taiwan il colore e il numero dei fiori donati simboleggiano un messaggio importante; rose rosse rappresentano “l’unico amore”; novantanove rose rappresentano “l’amore eterno”; cento otto rose rappresentano la domanda “mi vuoi sposare”?

I giapponesi festeggiano San Valentino il 14 febbraio, ma più che il giorno dell’amore, è il giorno “dei lavori e delle donne”. La differenza è che il regalo non è necessariamente diretto a fidanzati e mariti: le ragazze possono donare cioccolatini anche al proprio datore di lavoro o collega di ufficio. Gli uomini che ricevono del cioccolato a San Valentino devono ricambiare il dono ricevuto regalando cioccolato bianco un mese dopo San Valentino (cioè il 14 Marzo). Il 14 Marzo è conosciuto infatti come il White Day. A Tokio, il 14 aprile è invece la “Giornata nera”. In questa occasione coloro che non hanno ricevuto cioccolato né il 14 febbraio né il 14 Marzo ordinano al ristorante spaghetti al nero di seppia, come simbolo della propria tristezza e solitudine.

Chiudiamo il nostro excursus in Filippine, dove la festa di San Valentino è molto sentita, è una delle festività più amate dai giovani del paese. Così tanto, che spesso gli innamorati sono disposti a comprare costosi bouquet al doppio del prezzo di un giorno normale. Fortunatamente per coloro che vivono o si trovano a Manila c’è sempre la possibilità del Dangwa Market, uno dei più grandi mercati del paese, interamente dedicato ai fiori.

Ardiana Zenuni – studentessa Compass

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...