Passione per il cibo in un blog e tesi di laurea: intervista a Luigi Wis

Il cibo è ormai diventato quasi un oggetto di culto, qualcosa da contemplare con ammirazione, che infonde energia e piacere e i luoghi deputati per assaggiarlo templi del gusto, per cui spesso se ne parla e scrive, come nel caso del brasiliano Luigi Wis.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA
Luigi, dal 2010 a Bologna, si è recentemente laureato in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale stilando una tesi incentrata sull’analisi del sito http://www.centotrattorie.com/ ,da lui creato, durante la permanenza nella città emiliana.

La passione per la cucina bolognese lo ha portato a far si che centrotrattorie.com, blog sulle trattorie di Bologna, poi divenuto sito internet, diventasse tema d’interesse per gli appassionati del “mangiar bene con gusto” e il suo sito diventasse punto di partenza per la redazione di una piacevole e originale tesi di laurea magistrale.

http://corsi.unibo.it/Magistrale/ComunicazionePubblicaSociale/Documents/TESI%20LM%202013/Tesi_Wis_Luigi.pdf

Curiosa e golosa come sono non potevo sottrarmi nel fargli un intervista!

Luigi quando è arrivata l’ispirazione che ti ha portato a creare il blog e quale piatto ti ha fatto innamorare della cucina bolognese a tal punto da realizzare una guida telematica delle trattorie tipiche di Bologna?

L’ispirazione è arrivata per caso. Quando mi sono stabilito a Bologna, la cosa che preferivo fare era andare a mangiare fuori perché nel bolognese si mangia veramente bene!. Quando andavo a cena in un locale mi divertivo, tra l’assaggio di una pietanza e un’altra, a condividere su Facebook immagini e commenti dei ristoranti che visitavo sopratutto per fare invidia agli amici in Brasile. Così trascorsi alcuni mesi a condividere pietanze emiliane sui social network dopo aver assaggiato il mio piatto preferito, tagliatella al ragù, mi è sorta la bella idea di aprire un blog sulle trattorie di Bologna, anche perché già possedevo abbastanza materiale per iniziare a scrivere post e pubblicare foto sull’argomento.

Che risultati ha portato il tuo blog in termini di efficacia comunicativa? Quando hai capito che poteva svilupparsi in un sito?

All’inizio centotrattorie.com era semplicemente un blog, più che una vera e propria guida online. Ma soltanto perché il contenuto, nei primi mesi di vita di Cento Trattorie di Bologna, non era esteso. Solo quando sono venuto in possesso di un numero sufficiente di recensioni ho potuto fare un salto di qualità e trasformare il blog in sito, acquistando un dominio. In termini comunicativi, nella produzione di contenuto, non c’è mai stata una differenza tra sito e blog, sin dall’inizio ho scritto i testi, e preparato post, pensando sempre di offrire un servizio di alto livello. Inoltre quando si crea un blog con l’idea che diventi un progetto più ampio, non si può mai scrivere con la mentalità del diario personale, senza attuare una ben pensata strategia editoriale, ma bisogna fare un’accurata ricerca su come implementare e veicolare al meglio la propria iniziativa.

Quando hai pensato che il sito potesse diventare oggetto di studio e di stesura della tesi di laurea?

Ho portato avanti il blog per più o meno un anno prima di capirne tutte le sue potenzialità. In questo periodo l’ho aggiornato e curato con costanza, ma non facevo niente in termini di promozione e cura dell’aspetto tecnico di gestione di un sito web (SEO e social media marketing ad esempio). Quando, invece è arrivato il momento di decidere l’argomento della tesi mi sono proposto la sfida di trasformare il blog in una vera e propria guida online, da qui ho cominciato a lavorare a tutti gli aspetti di web marketing necessari per la promozione di un sito web, e ho anche creato una campagna di crowdfunding per finanziare questo progetto. Tutto questo è esplicitato nella mia tesi di laurea: Il Blog – Oltre il diario. Strumento di sviluppo di competenze, diffusione di informazione di nicchia, e affari.

Ora che tornerai nella tua città natale come pensi di proseguire con la gestione del sito? Passerai il testimone a un tuo connazionale interessato a studiare comunicazione a Bologna?
Ho ancora alcune progetti per il sito. Il primo è tradurlo in inglese, in questo modo il sito potrà essere utile anche ai  turisti stranieri che visiteranno Bologna, permettendo così di conquistare un ulteriore target d’utenza. Quando invece ritornerò in Brasile vorrei aprire il sito ai contributi che i visitatori di Cento Trattorie di Bologna vorranno inviarmi. Il sito andrebbe a ospitare recensioni fatte da chiunque sia interessato a contribuire, sempre che rispettino la linea editoriale sviluppata negli ultimi due anni.

Della tua esperienza bolognese cosa porterai in Brasile? Saudade di tortellini?

Devo ancora decidere la strada professionale che prenderò una volta tornato in Brasile, ma questo progetto, insieme alla Laurea, mi hanno regalato delle competenze comunicative che vorrei sviluppare nelle future esperienze lavorative. Il prezzo che pagherò una volta tornato a casa, sarà l’assenza del buon cibo bolognese soprattutto della tagliatella al ragù di cui avrò molta saudade. Per chi volesse sapere dove gustare una sublime tagliatella sono sempre disponibile a dare buoni suggerimenti!

Grazie ai consigli di Luigi, un mix tra racconti di templi del gusto e nozioni di strategie di marketing, alle buone forchette non rimane che visitare il suo blog e dare uno sguardo all’indice della sua tesi per trarre ispirazione.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...